Prove di ripartenza!!! Ripartiamo dall’Umbria

Proviamo a ripartire anche questa volta!!!! Ne abbiamo passate tante e tutte le volte siamo ripartiti: terremoti, inondazioni, guerre più o meno lontane, torri gemelle, tutte le volte ce l’abbiamo fatta e anche questa volta vedrete ce la faremo e torneremo più forti di prima.

Il “coronavirus” ci insegnerà qualcosa, certamente modificherà il nostro stile di vita e anche il nostro modo di fare. Modificherà la nostra vita quotidiana e quella lavorativa. Speriamo ci insegni a credere di più e a valutare di più il nostro paese cambiando in maniera drastica il nostro modo di fare e comportamentale. Crediamo di più nella nostra bellissima Italia a quello che ci ha regalato e che abbiamo saputo tramandare e a quello che abbiamo da visitare. La nostra penisola è uno dei luoghi più belli del mondo che merita di essere visitata e conosciuta. Abbiamo mare, montagna, borghi, città grandi o piccole, laghi, colline olio, vino, arte, cultura, tradizioni, enogastronomia che in altre zone si “sognano” impariamo a conoscerle e a valutarle. Ripartiamo dall’Italia e dalla fortuna che abbiamo avuto di nascere in un territorio unico come l’Italia. Ripartiamo dall’Umbria, visitando una delle regioni più belle d’Italia, la verde Umbria, il “cuore verde d’Italia”. La Terra di San Francesco è meta da anni di turismo, religioso, enogastronomico e cicloturistico. Una regione che ha saputo coltivare e mantenere nel miglior modo possibile tutte le sue bellezze. Attraversando l’Umbria in bicicletta si rimane affascinati, non appena tre giorni fa ho effettuato un tour cicloturistico con una bici gravel, partendo da Foligno e seguendo passo, passo il sentiero segnalato molto bene in giallo/blu la “Via Francescana” sono passato per Trevi, Campello arrivando dopo circa due ore, (ci ho inserito qualche sosta per visitare due piccole chiese e un piccolo Borgo curatissimo in località Alvanischio) al centro della città di Spoleto. Un sentiero ben curato con punti di riposo attrezzati con panchine e fontane sempre vicine a punti di interesse storico culturali e turistico, infatti lungo il percorso non mancano Bed and Breakfast e piccoli Agriturismo in Umbria. Si attraversa tutta la fascia olivata che caratterizza questa parte di territorio rendendo il percorso fantastico. Ho anche notato e non è da sottovalutare la cordialità delle persone che ci abitano o che incontri intenti alla raccolta degli asparagi, tutti non ti fanno mai mancare un saluto o due parole ospitali che rendono la passeggiata in bicicletta gradevole. Una volta arrivato a Spoleto salendo verso la piazza più in alto non mi sono fatto mancare una fermata in un curatissimo bar che effettua dei dolci buonissimi. La pedalata è terminata al duomo di Spoleto dove dopo una bellissima foto e una mezzora di riposo sono ripartito alla volta della bellissima Foligno.  La Via Francescana un buon momento per qualche giorno di Vacanza anche a Pasqua 2020 in Italia.